Titan Chamber, Xiniu Cave (Guanxi) - China China Caves 2013 3D Project Expedition Team - 12.09.2013

Sea

La Nurra - Linea Blu del 06/09/2014

Linea Blu - Alghero del 06/09/2014
Vedi la puntata


--------------------------------------------------------------------------------------------


Il granito di Villasimius e i calcari di Cagliari - Linea Blu del 07/06/2014

Sardegna Sud-Orientale - Linea Blu del 07/06/2014

Vedi la puntata


--------------------------------------------------------------------------------------------

L'Atlante delle coste rocciose della Sardegna



L'atlante "Le coste rocciose della Sardegna" nasce nell'ambito delle attività del progetto comunitatio ResMar - Azione di Sistema A, coordinate per la Regione Autonoma della Sardegna (RAS) dal Servizio Tutela del suolo e politiche forestali dell'Assessorato della Difesa dell'Ambiente.


Quest'opera rappresenta un risultato, di particolare pregio, della collaborazione tra la RAS e le Direzioni Marittime di Cagliari e Olbia "per la messa a disposizione di servizi con mezzi nautici finalizzati al monitoraggio via mare dei tratti costieri critici in falesia”.In particolare, il Servizio Tutela del suolo e politiche forestali ha inteso legare sinergicamente le attività del Resmar AS A al progetto alla redazione del Programma di Azione Coste della Sardegna (PAC).
Il PAC scaturisce dalla necessità, indicata dalla Giunta Regionale della Sardegna, di dotarsi di uno strumento necessario a individuare le linee di programmazione delle aree costiere a maggiore criticità di dissesto da erosione, in un’ottica di gestione integrata costiera all'interno di uno scenario di pianificazione regionale nel quale è ancora oggi assente il “piano coste”. 

In virtù del capillare livello di conoscenza dei tratti costieri critici, in particolare delle coste rocciose, anche in relazione ai provvedimenti di divieto di balneazione e navigabilità emessi, la Capitaneria di Porto rappresenta un organo istituzionale di riferimento dell’ambito marittimo‐costiero e, con maggior forza, per la Regione Autonoma della Sardegna, in riferimento al Protocollo di Intesa siglato il 23.02.2010 tra la Presidenza della Regione e le Direzioni Marittime relativamente ai rapporti di collaborazione in materia di ambiente, demanio marittimo, pesca e protezione civile.

Grazie alla lungimiranza dei diversi attori coinvolti, sono stati traguardati risultati sorprendenti con l'acquisizione dell’intera sequenza fotografica georiferita di tutti i tratti in costa rocciosa dell’Isola. Ciò è ovviamente rilevante poiché, per la prima volta, si è in possesso di un fermo immagine organico su tutto l’ambito costiero roccioso regionale, fissato all’anno 2013.  La collaborazione del team di professionisti del gruppo di lavoro PAC - quattro geologi e quattro ingegneri - ha consentito di costituire l’equipaggio tecnico che, a bordo delle motovedette delle Capitanerie, ha realizzato la fase operativa del rilevamento fotografico e la successiva restituzione testuale delle schede descrittive dei tratti critici.

A partire dal mese di Gennaio 2013 sono state realizzate 15 campagne di rilevamento sino a metà luglio 2013. È stata fatta la scelta di acquisire con continuità la documentazione fotografica relativa a tutti i tratti rocciosi, concentrando tuttavia la maggiore attenzione su quelli contrassegnati da franosità potenziale. La capacità di movimentazione delle unità navali coinvolte ha permesso una navigazione sottocosta che ha consentito in alcuni casi di acquisire immagini molto ravvicinate mentre in altri, a causa di bassi fondali e del pescaggio delle motovedette, ci si è dovuti mantenere a distanze di sicurezza.
I rilievi fotografici, che comprendono l’acquisizione di circa 25.000 immagini a elevata risoluzione, sono stati realizzati, elaborati e debitamente catalogati in forma georeferenziata dai professionisti PAC, e rappresentano un importante patrimonio di valenza multidisciplinare, prestabile tanto alle funzioni di osservazione e monitoraggio costiero quanto a quello più generale della tutela ambientale, paesaggistica e storico‐culturale.
Attraverso l'atlante "Le coste rocciose della Sardegna" si è data una veste divulgativa a una produzione che nasce sotto il profilo tecnico, ciò con lo scopo dichiarato di diffondere la conoscenza della banca dati fotografica presso il pubblico dei potenziali fruitori istituzionali, tecnici e culturali ai quali la banca dati sarà aperta. 
La versione sfogliabile si trova presso il seguente link:

--------------------------------------------------------------------------------------------

Papa Cave - Tavolara Island 3D HD - Lineablu, RAI 1




--------------------------------------------------------------------------------------------


Bue Marino Cave System 3D HD - Lineablu, RAI 1


--------------------------------------------------------------------------------------------

Perpetual Ocean



Ocean surface currents from the MIT/NASA-JPL and Estimating the Circulation and Climate of the Ocean Phase II - or ECCO2 - collaboration and visualised by the NASA Goddard Scientific Visualization Studio. This visualisation shows the ocean surface currents around the world between June 2005 through December 2007. The animation nicely highlights the energetic turbulent ocean surface currents that are present in the real ocean but are not directly visible to the eye. Numerous people have also remarked that the visualisation evokes the Starry Night by Vincent van Gogh.
http://svs.gsfc.nasa.gov/)


--------------------------------------------------------------------------------------------

Never (defined) Never Land...

Never Never isLand: the definition of island
The definition of island (such as the definition of cave, mountain, valley, river, lake, river island...) is strongly linked to an anthropocentric concept, which does not really apply to Nature. This concept should NOT be related to Earth as it is, but to the representation that we need to make of it. 
It, at once, follows that an absolute definition of (marine) island really does not exist.

From a physio-geographical and geomorphological point of view, the island is a portion of the Earth's surface (made by any lithotype, or sand, clay, ice) generally located above the average sea level (asl). It bears a well-defined and closed cartographic boundary, regardless of its size and context where the island is located.
Map of Neverland created by Walt Disney Productions
 as a promotion for its 1953 film Peter Pan. 
The limit of the shore line of a marine island is dynamic and variable - daily and/or seasonally - in relation to changes in tide or, in the case of the iceberg, in the ice melting. In this respect, we can list emerged and submerged or temporally semi-submerged islands. The semi-submersible and/or submersion temporal condition of a island does not negate the validity of the its definition. The floating islands of ice (the icebergs) can be defined marine islands. Based on the above definition, the five major islands on the Earth's surface are those that we refer as to Continents (after Daniela Pani&Leonardo Piccini).
For Biology, the island is a portion of the terrestrial environment not directly connected to other terrestrial environments. The variability of the shoreline in biology is resolved by considering the supralittoral plan as marine and not emerged, although it might only temporary be subject to the waves effects or being wet by aerosol and sprays. If the peace of rock is a stack of 20 m, where the supralittoral biocenosis disappear, then this is called island.
How many islands do belong to Italy?

File:Italy topographic map-blank.svg
It is worldwide well known that Italy is the famous boot-shaped Peninsula that southwards stretches into the Mediterranean Sea. It is also acknowledged that the two largest islands in the Mediterranean Sea - Sicily and Sardinia – belong to Italy, however it is less known that many other smaller islands belong to the Italian territory. Many, but how many???
Well, difficult answer, I have therefore started “counting” them and the following table summarises some first results of my curious, geographer-wise due, analysis, showing figures referring to the islands legally and politically belonging to Italy. Starting from the Wikipedia archive then modified,  I have created a very long list of most of the islands,  grouped according to their  geography and geomorphology (marine islands, lagoon, lake and river).
Let’s enjoy together doing some initial consideration, statistics and highlighting curiosities.
First of all, it is amazing to discover that nearly 1/5 of the Italian total inland area is insular. Out of 294,020km² of land, the total area covered by islands largely exceeds 50,000 km² (precisely, 50729,36282 km², but I am still in the process of calculating the precise surface)
Sicily is the largest island in the Mediterranean Sea, but also the biggest in Italy and seventh in the European Continent.
My Island, Sardinia represents the second largest island in the Mediterranean Sea, second largest in Italy and eighths in Europe, the 48th in the World.
Well, the total updated number of Italian islands (including all) is 458, divided between 356 maritime islands,65 lagoon islands, 33 lake islands and 4 river islands): WOW!
We can list 13 marine archipelagos, the Arcipelago Isole Eolie (o Isole Lipari) being the richest in number.
And now, a nice bit! Sardinia excels above all Italian Regions for numbers of island: 189, between marine and lake islands. Following is Sicily with 73, Basilicata accounts only one island; however some Italian region showing coastline amazingly don’t have islands ( for example, Emilia Romagna).
The analysis is in progress, soon I will be able to publish a reliable figure referring to the coastline length (km) of all 458 island and the total for Italy. 
I don’t know that figure yet, however, allow me to make this simple consideration: the Italian coastal heritage, largely thanks to the countless number of small islands, is immense and represents the true pearls reservoir of the Country, a real open pit mine, available for us since ever.  Let’s not endure losing the opportunity to display our pearls, wearing them as our best dress of civilisation and pride.

type
356
marine
65
lagoon
33
lake
4
river
458
total
50729,4
km2 calculated for marine is (not final)
13
arcipelaghi marini
nr. islands per Regions
189
Sardegna (2 lake islands)
73
Sicilia
64
Veneto (60 lagoon – 3 lake islands)
38
Toscana
21
Campania
19
Puglia (1 lake island)
11
Lombardia (lake islands only)
11
Lazio (4 lake islands)
9
Piemonte (lake islands only)
5
Liguria
5
Friuli Venezia Giulia (lagoon islands only)
4
Calabria
3
Umbria (lake islands only)
1
Basilicata
--------------------------------------------------------------------------------------------

Quante sono le isole in Italia?

È universalmente noto che l'Italia è quella famosa Penisola a forma di stivale che si infila dentro Mar Mediterraneo. Si sa abbastanza diffusamente, inoltre, che le due maggiori isole del Mediterraneo -la Sicilia e la Sardegna - appartengono al territorio italiano. Quello che non si sa bene, o che addirittura si ignora completamente, è che molte altre isole minori appartengono all’Italia.



Molte, sì, ma quante sono??

File:Italy topographic map-blank.svgBeh, risposta non è facile, il problema non è banale. Ho quindi iniziato a "contare" il numero di isole e la tabella seguente riassume alcuni primi risultati della mia attività, nata prima di tutto per assecondare una mia curiosità ma poi doverosa in quanto aspirante geografa. La tabellina mostra le cifre relative alle isole giuridicamente e politicamente appartenenti all’Italia. Partendo da un archivio già ben strutturato disponibile su Wikipedia, poi necessariamente modificato, ho creato una lista che contiene la maggior parte delle isole, isolotti, scogli, raggruppati in base alla loro posizione geografica, regione di appartenenza e caratteristiche geomorfologiche (isole marine, lagunari, lacustri e fluviali).
Divertiamoci a fare insieme qualche considerazione e analisi statistica, mettendo in evidenza anche delle curiosità.
La prima sorprendente considerazione è scoprire che quasi 1/5 della superficie totale del territorio emerso italiano è insulare. Dei circa 295 mila km² di terra emersa, la superficie totale delle isole supera di gran lunga i 50 mila km² (50729,36282 km² per il momento, ma sono ancora in fase di calcolo delle estensioni areali di tutte le isole, per ottenere un numero più attendibile).
La Sicilia, come è noto, è l'isola più grande del Mar Mediterraneo, ma anche la più grande in Italia e la settima in Europa.
La mia isola, la Sardegna, è la seconda isola più grande del Mar Mediterraneo, la seconda più grande in Italia e l’ottava in ​​Europa. La 48° nel mondo.
Ebbene, il numero totale delle isole italiane (tutte comprese tra maggiori e minori) aggiornato a oggi è 458, suddiviso tra 356 isole marittime, 65 isole lagunari, 33 isole lacustri e 4 isole fluviali: niente male, no?
La maggior parte delle 354 (ma non tutte!) sono raggruppate in ben 13 arcipelaghi marini (tanti, quasi alla stessa stregua di alcune nazioni arcipelago asiatiche), di cui 4 arcipelaghi sono sardi e 4 sono siciliani. Tra questi, l'Arcipelago Isole Eolie (o Isole Lipari) con ben 36, annovera il maggior numero di isole e isolotti.
E ora, il pezzo forte! La Sardegna domina sul resto delle regioni italiane per quantità di isole minori: 189 (stimate ma ne mancano!) di cui 2 lacustri. Fa seguito la Sicilia con 73, e poi giù a diminuire, fino alla Basilicata che è rappresentata da 1 sola isola. Ma, ci sono addirittura delle regioni italiane (come, per esempio, l’Emilia Romagna) che vantano un lunga linea di costa ma non possiedono nessuna isola minore.
L'analisi è in corso, presto sarò in grado di pubblicare un valore attendibile relativo allo sviluppo lineare (in km) della linea di costa relativa a tutte e 458 isole, da sommare alla linea di costa totale italiana.
Non so ancora quale sarà quel valore ma, qualsiasi questa sia e, comunque, son certa molto grande, permettetemi di fare una semplice considerazione: il patrimonio costiero italiano, soprattutto grazie al numero incredibile di piccole isole, è immenso e rappresenta il vero giacimento di perle dell’Italia, la vera miniera a cielo aperto, da sempre disponibile e fruibile per e da noi. Cerchiamo di non perseverare nell’errore di perdere la possibilità di beneficiare e mostrare le nostre perle, indossandole assieme al nostri migliori abiti di civiltà e orgoglio per avere ricevuto in dono la gestione di questo bene assoluto.

tipo
356
marine
65
lagunari
33
lacustri
4
fluviali
458
numero totale
50729,4
km2 rif solo marine (parziale)
13
arcipelaghi marini
nr. isole per regione
189
Sardegna (2  lacustri)
73
Sicilia
64
Veneto (60  lagunari – 3 lacustri)
38
Toscana
21
Campania
19
Puglia (1 lacustri)
11
Lombardia (solo lacustri)
11
Lazio (4  lacustri)
9
Piemonte (solo lacustri)
5
Liguria
5
Friuli Venezia Giulia (lagunari)
4
Calabria
3
Umbria (solo lacustri)
1
Basilicata



Surveying Posidonia Oceanica with satellite data

It's known that Earth Observation data can highly contribute to the monitoring of coastal areas, thanks to the typical characteristics offered by the satellite for such applications: synoptic view of large marine areas, frequency of passage and high temporal resolution, rapid acquisition and ready availability of updated data. Until recently, however, the characteristics of the available data limited the use of satellite remote sensing for monitoring large marine areas. Today's technology can make use of new resources, such as the latest generation of multispectral sensors, extremely important from a scientific point of view as they allow to monitor specific coastal areas as well as relevant phenomena in terms of both environmental and landscape.

Read more on massimozotti.it: Troviamo la Posidonia Oceanica con il satellite
-------------------------------------------------------------------------------------------

100 pearls of the Italian Sea - Donatella Bianchi

Le 100 perle del mare italiano - Donatella Bianchi
Un viaggio ideale lungo le coste della nostra meravigliosa penisola. 100 tappe tra incredibili fondali, spiagge incontaminate, isole misteriose e borghi ricchi di storia e traboccanti di leggende. Dalle Cinque Terre a Grado, dall'Isola d'Elba a Linosa, dalla cattedrale di Trani al castello di Miramare: 100 luoghi unici scelti da Donatella Bianchi che da anni, con Lineablu, naviga lungo gli 8000 chilometri di coste italiane alla scoperta delle perle più belle.

An ideal travelling along the coastline of beautiful Italy. 100 locations among incredible waters, pristine beaches, mysterious islands and villages rich in history and full of tales. From the Cinque Terre to Grado, from Elba Island to Linosa, from the cathedral of Trani to the castle of Miramare: 100 unique locations chosen by Donatella Bianchi, who for years, with Lineablu, sails along the 8000 km of the Italian coastline to the discovery of the most beautiful pearls.

Le 100 perle del mare italiano - Donatella Bianchi - Libro - RIZZOLI
--------------------------------------------------------------------------------------------

Nelle vene della terra


Bello, davvero bello l'articolo del grande Lamberto Ferri Ricchi sul numero di Luglio 2012 di Mondo Sommerso.
credit: Mondo Sommerso n.7 2012
Le stagioni esplorative speleosubacquee degli anni settanta assieme alle numerose pubblicazioni di carattere tecnico scientifico hanno reso più familiari le grotte sommerse. Un meraviglioso ricordo dell'esplorazione della risorgenza di Cala Luna nel 1970, che ha rappresentato una tappa fondamentale della speleologia subacquea.